Feel and Trust

Ecologia, Salute ed Economia

Archive for 4 marzo 2009

Gel fotovoltaico, una tecnologia innovativa tutta italiana

Posted by darmel su 4 marzo 2009

Tra una decina di giorni entrerà in funzione il primo impianto in rete che produrrà energia elettrica dai vetri di finestre, balconi e verande trasformati in pannelli solari trasparenti. E’ l’intuizione di Esco Energy srl, nata nel 2004 a Potenza come società di servizi energetici, che ha inventato un gel capace di rendere ogni supporto vitreo fotovoltaico e quindi in grado di produrre energia, che viene poi raccolta attraverso cellule fotovoltaiche e sfruttata immettendola direttamente in rete o tramite accumulo.

Dopo la presentazione del brevetto mondiale, il 1° ottobre scorso a Milano, al convegno Italian Energy Summit 2008 organizzato dal Sole-24Ore, il gel sarà presentato, il 12 febbraio, a Bruxelles all’Unione Europea, alla presenza del ministro Claudio Scajola. Dalla sperimentazione si passa all’applicazione nel primo impianto da 1 Megawatt in uno degli stabilimenti della società, che permetterà di far vedere l’effettivo funzionamento e le differenze rispetto ai tradizionali pannelli fotovoltaici.

Di facile installazione, il gel fotovoltaico è una sostanza amorfa, a base liquida, al cui interno viene innescata una struttura cristallina di silicio. Rispetto agli altri gel esistenti di colorazione scura, è trasparente (o leggermente pigmentato con colore blu per motivi estetici), quindi applicabile su vetro (per iniezione nei doppi vetri o in versione spray su vetri singoli). Poi tramite elettrodi, si crea un sistema che si interfaccia alla rete elettrica comune utilizzando, come per i pannelli, un contatore in entrata e uno in uscita.

“L’ingresso sul mercato è previsto a giugno, con una produzione di 1 Megawatt al mese in modo da far rientrare l’investimento, e poi andare a regime in base alle richieste che avremo”. E’ soddisfatto il presidente di Esco Energy, Giuseppe Vetere, 48 anni, ingegnere nato a Gorgoglione (Matera): “Rispetto ai pannelli fotovoltaici la produttività è pari al 50%, ma è compensata dalla possibilità di estensioni maggiori e minori costi di produzione (da 1,50 a 2 euro per watt), con una resa a metro quadro (mq) di 100 watt su vetro singolo e di 300 su doppio vetro. Inoltre c’è un abbattimento dei costi di installazione che va dal 30 al 50% e il gel è garantito 20 anni”.

Esco Energy ha appena aumentato il capitale sociale, da 10mila euro a un milione. “Finora manifestazioni d’interesse – dice Vetere – sono arrivate da tutto il mondo. Tra le più significative, quella per una ventina di grattacieli in America e Australia. Numerosi i contatti da industrie, privati, società multinazionali italiane ed estere, ma anche Governi. In Ungheria apriremo uno stabilimento e abbiamo ricevuto inviti dai Governi di Messico, Polonia, Vietnam e dalla Camera di Commercio di Barcellona. Minore l’attenzione in Basilicata: l’interesse per le rinnovabili è ancora basso”.

Per il 2009 sono previsti investimenti per circa 100 milioni. Il 2008 si è chiuso con un fatturato di quattro milioni, ma il budget per il 2009 è di 120 milioni. Da settembre c’è stato un incremento di 10 unità lavorative, oggi sono circa 70, ma si prevede di arrivare quest’anno a oltre 200 dipendenti, divisi tra lo stabilimento di Potenza, che passerà da 30 a 60 lavoratori, e quello di Villapiana (Cosenza), l’Eco Sun Power, che produce anche pannelli fotovoltaici ed entro il 2010 passerà dagli attuali 20 dipendenti a 200. A Potenza è previsto un ampliamento dello stabilimento e la sede operativa sarà trasferita nell’area industriale di Tito Scalo in una struttura di 500-600 mq. Sono in corso le procedure per acquistare un lotto di 2.000 mq.

Il paragone: il gel fotovoltaico svolge la stessa funzione di un normale pannello solare, ma con l’importante vantaggio di sfruttare – per produrre energia – tutta la superficie vitrea e non solo quella del pannello.
Il principio:
la generazione di energia effettuabile con il gel fotovoltaico si basa su una tecnologia che sfrutta le proprietà di semiconduttore del silicio, componente principale del vetro.
Il “bombardamento” di fotoni (i corpuscoli che compongono i raggi del sole), sugli atomi di silicio del gel provocano energia cinetica, una specie di “spinta” che genera movimento e viene convertita in energia elettrica all’interno della struttura cristallina del silicio che fa da semiconduttore. Questa energia viene poi immessa in rete.

Fonte:
ilsole24ore.com
energia.in
escoenergy.eu

Posted in azienda, energia solare, innovazione, tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | 3 Comments »